grani-antichi_opt

Tumminia, grano antico di tempi moderni

In Itinerari enogastronomici, Prodotti by tamaraLascia un commento



Antico e moderno si rincorrono in una perpetua Ruota del Tempo. È questo che mi ha colpito parlando con Eugenio Randi, appassionato e selettivo patron di Ciccio Passami l’Olio, pizzeria d’eccellenza in quel di Palermo. È da lui che ho sentito parlare per la prima volta dell’antico grano Timilia. Meglio conosciuto come Tumminìa o Tremelia, questo grano duro è una varietà antichissima diffusa in gran parte del bacino del Mediterraneo dai tempi degli antichi Greci. Era una coltura di facile attecchimento anche in territori prettamente aridi, molto assolati, generosa nelle rese e che non necessitava di particolari attenzioni.

La_Cattedrale_la_cattedrale_di_palermo_opt

Particolare della Cattedrale di Palermo

La Sicilia era fioriera di varietà colturali di grani antichi, almeno 51, ognuno caratteristico di una particolare zona nella regione. Poi l’avvento di varietà limitate e più idonee a coltivazioni di massa, ha fatto passare il tutto nel dimenticatoio delle sementi sottoposte a brevetti e delle royalties da riconoscere ai costitutori sparsi nel mondo. Ma la Sicilia è terra benedetta. È fertile e generosa con l’uomo, anche se l’uomo ha la grande capacità di averne dimenticato gran parte dei suoi frutti. Recentemente però, alcuni giovani coltivatori siciliani nella zona di Palermo e Trapani, hanno risvegliato il loro interesse verso il recupero di almeno 7 varietà antiche, di cui la Tumminìa, la Roccella (o Russello), la Realforte e la Sammartinara. La Tumminia è un grano duro, dalla lunga spiga bianca e dalla cariosside allungata e con il caratteristico colore scuro.

grani-antichi_opt

La Tumminia, antica varietà siciliana di grano duro

Tumminia, grano antico di tempi moderni

Per questo la farina, rigorosamente macinata a pietra per non sottoporla a ossidazione prematura, assume un aspetto tipicamente grigiastro, che rimane inalterato durante il suo utilizzo come base per la pizza, per l’ottima pasta di grano duro o per il caratteristico Pane di Castelvetrano. Le caratteristiche di questo grano, particolarmente resistente agli attacchi dei parassiti, lo rendono assolutamente adatto alle coltivazioni biologiche, non necessitando di alcun trattamento chimico. Uno dei più importanti coltivatori della varietà Tumminia, Massimiliano Solano, fondatore e Presidente della Cooperativa Agricola Valdibella, di Camporeale a Palermo, ci spiega le ragioni personali e un po’ filosofiche, di questo recupero: “La Timilia è un grano libero, assolutamente indipendente dai trattamenti e dalle multinazionali fitosanitarie. È per questo che ci garantisce una cosa importantissima che è la libertà; e come tutti sanno, per i Siciliani la libertà è tutto”.

Tumminia

La cariosside scura della varietà di Tumminia

Di fatto per la Tumminia è davvero così. Non è geneticamente modificato. E’ un grano precoce, dalla maturazione breve: piantato a marzo in collina, anche dopo autunni particolarmente piovosi, oppure a gennaio in zone di mare, è già pronto a Giugno, quando viene raccolto e utilizzato come malto per alcune birre artigianali in terra sicana o come farina. Le caratteristiche organolettiche e nutritive, inoltre, rendono la farina di Tumminia un frutto ribelle nell’ortodossia nutrizionale delle multinazionali: prodotto raro e pregiato, la sua farina integrale e sana, dall’alto contenuto di oligoelementi del grano, presenta un alto valore proteico e un basso indice di glutine, tanto da renderla altamente digeribile e facilmente tollerata dall’intestino umano; così tanto da poter essere utilizzata da soggetti colpiti da NCGS (Non Celiac Gluten Sensitivity). Eugenio Randi per la sua pizza la usa in combinazione con la Roscella, anch’esso grano di antica tradizione, perché da sola è di difficile lavorazione.

original_pane-nero-di-castelvetrano_opt

Pane nero di Castelvetrano, dalla tipica pagnotta tonda coperta di semi di sesamo.

A Castelvetrano invece, la Tumminia è ingrediente principe del Pane nero di Castelvetrano, Presidio Slow Food del trapanese, frutto di un orgoglioso recupero di tradizioni e pratiche immemori. Uso tassativo di pasta acida (lu criscenti, la madre) per una lievitazione lunga e naturale; cottura nei forni di pietra, arroventati dal fuoco generato dalla potatura degli olivi, che ogni panificatore mette da parte durante la primavera e fa seccare nei suoi personalissimi magazzini aerati. La forma del Pane di Castelvetrano è assolutamente tipica: una pagnotta rotonda, in dialetto siciliano vastedda, dalla tipica crosta dura e scura ricoperta di semi di sesamo, e dalla pasta gialla e morbida. Un pane dai sentori inconfondibili di caffè, malto e mandorle tostate, destinato a mantenersi fresco a lungo.

Tumminia

Pane Nero di Castelvetrano, lavorato con farine integrali di Tumminia.

Secondo tradizione però, ancora caldo, il Pane di Castelvetrano è la migliore colazione del mondo, conciato con olio EVO della locale varietà Nocellara del Belice, il primosale tipico della zona, le alici o le sarde diliscate, pomodoro a fette e basilico,sale e origano. Straordinario!

di Tamara Gori

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine EAT - Mondo Mangiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Tumminia, grano antico di tempi moderni ultima modifica: 2015-09-29T11:59:49+00:00 da tamara
The following two tabs change content below.
Sono nata nel 1973, annata sospesa tra il piombo del terrorismo e il luccichio delle mirror balls. Forse è per questo che sono così duale: amo le città, ne sono attratta, ma non chiedetemi di viverci, ne soffocherei; ho seguito studi economici per dovere sociale (di altri), ma l'istinto e la vita mi hanno sempre accompagnata verso l'arte, la natura, la letteratura e la giustizia sociale. Organizzo matrimoni, ma non sono sposata. Sono timida e riservata, ma esplodo di gioia di fronte a un sorriso e di divertimento quando ascolto la buona musica. Amo il cibo; ne ho saggiato di ogni genere e ovunque ho potuto, ammaliata dai colori, dai sapori, dagli odori che lo caratterizzano e lo legano ad un territorio e ad un popolo. Nonostante tutto però, combatto eternamente con intolleranze alimentari birichine ed estenuanti. Mi piace leggere e viaggiare e molto mi piace scrivere. E scrivere di cibo mi permette di fare tutto questo insieme; mi permette ogni volta di innamorarmi della Storia, della Cultura, dell'Umanità. Non riesco a prescindere da tutto questo, soprattutto dal piccolo, dall'etico, dal buono. E attraverso quello che scrivo, provo a rispondere a quello che oggi è il mio personalissimo senso di dovere sociale.Tamara Gori
Condividi questo articolo su:

Lasciaci un tuo commento