panettone_dolce_natale-1024x689

Panettone artigianale d’eccellenza: Tuscia il dolce che non t’aspetti!

In Itinerari enogastronomici, Prodotti by tamaraLascia un commento

Nell'uso contemporaneo il nome Tuscia è utilizzato per indicare i territori dell'Alto Lazio e delle aree confinanti di Toscana e Umbria. Cosa ci fa da queste parti il panettone artigianale d'eccellenza?

Un panettone artigianale d’eccellenza in terra di Tuscia, bah… cos’è questa novità?!

Tuscia. Terra poco conosciuta, per quanto ricca di fascino e biodiversità. Una terra che vuole proiettarsi verso il mondo, facendo i conti con una “protezione” che arriva da lontano.

Arriva dal Medioevo di cui è figlia e miglior custode. Arriva da una conservazione del territorio di cui ha preso consapevolezza con ritardo, ma di cui è orgogliosamente fiera. Fiera dei suoi prodotti tipici, dei suoi legumi, spesso in varietà antiche. Delle sue carni e dei suoi Presidi Slow Food. Dei suoi vini. Del lavoro appassionato di coloro che credono in questa terra e in ciò che può concedere di peculiare.

panettone artigianale d'eccellenza Tuscia

Veduta di Civita di Bagnoregio e dei calanchi della Tuscia. Foto Gambero Rosso

Per questo ci piaceva l’idea di parlare delle eccellenze natalizie della Tuscia, i suoi panettoni artigianali.

Il panettone che non t’aspetti: Panettone artigianale “made in Tuscia”

E si, perchè è proprio il panettone artigianale d’eccellenza uno dei dolci più buoni, ma meno conosciuti di questo territorio. Il dolce che non t’aspetti di trovare a queste latitudini! Iniziamo quindi la nostra rassegna all’insegna del gusto, del buono e del ben fatto.

L’Etoile di Alice è un angolo di dolcezze realizzato da Chicca D’Errico, in quel di La Quercia, piccola frazione alle porte di Viterbo. Chicca, eccezionale autodidatta, è riconosciuta oggi come una delle migliori cake designer in Italia. Guida con passione ed entusiasmo il negozio nel piccolo borgo medievale, anche grazie all’aiuto dell’instancabile e creativa Vanessa Lisciarelli. I suoi panettoni artigianali d’eccellenza puntano sull’utilizzo di ingredienti selezionati. Preferibilmente a km zero e biologici. Dalle farine alla frutta candita, alla frutta secca. I suoi panettoni contano su una lunga lievitazione e un impasto soffice e avvolgente, che difficilmente si fa dimenticare.

panettone artigianale d'eccellenza Tuscia

L’Etoile di Alice a La Quercia, frazione di Viterbo. Foto: L’Etoile di Alice

Panettone artigianale Tuscia

Ci spostiamo di poco e arriviamo a Viterbo. In città Casantini è pasticceria dal 1969. E da sempre è sinonimo di qualità, di tradizione e innovazione insieme. Con una cura assoluta nella scelta degli ingredienti e della lavorazione dei suoi dolci. Il suo panettone artigianali d’eccellenza ha fatto notizia: il primo della provincia ad aver varcato i confini nazionali e ad essere sbarcato in Germania. Lunga lievitazione, ingredienti scelti, esperienza decennale applicata anche alle nuove esigenze alimentari, dalla celiachia alle intolleranze. Questo è il panettone artigianale della pasticceria Casantini, morbido e di un giallo intenso a ricordare i sapori come erano.

panettone artigianale d'eccellenza Tuscia

La famiglia Casantini al lavoro. Foto: Carlo Zucchetti

Una sorpresa è invece L’Arte del Pane a Monterosi. Una pasticceria che nasce come forno e che lavora lievitati e dolci sotto il segno della tradizione. Pochi ingredienti, ma scelti con cura per i panettoni artigianali che non lasciano spazio a orpelli gustativi o innovazione sui generis. Anche in questo caso lunga lievitazione, ingredienti selezionati e la cura di chi conosce gusti e tecniche da anni.

Panettone artigianale d’eccellenza della Tuscia: Pasticceria Isanti

Ma qualcuno mi perdonerà se il mio personale podio va al panettone artigianale della Pasticceria Isanti. Siamo a Corchiano, dove Isanti è sinonimo di panetteria già dal 1961. Nel tempo e nell’alternarsi delle generazioni, la panetteria è diventata una pasticceria e cioccolateria di prestigio. Anche grazie all’entusiasmo, alla passione e allo sguardo lungimirante di Emanuele e Simonetta, i due fratelli che hanno accolto l’eredità artigiana di famiglia.

panettone artigianale d'eccellenza Tuscia

Panettone artigianale per intolleranti al lattosio della Pasticceria Isanti di Corchiano. Foto: Pasticceria Isanti

Ed è esclusivamente a conduzione familiare questa pasticceria che ha ottenuto il Marchio Tuscia Viterbese e ha sposato i principi che sono alla base di Slow Food. Gli ingredienti sono selezionati tra le eccellenze territoriali e non solo. La frutta in sospensione nel panettone artigianale è Presidio Slow Food. Dal Chinotto di Savona al Mandarino Tardivo di Ciaculli, saporito e dalla buccia fine.

Il cioccolato è quello del Venezuela e la vaniglia arriva dritta dal Madagascar. Carica dell’aroma caldo di quella terra d’Africa che guarda verso l’India. Il lievito è quello acido della pasta madre. Farine, uova, nocciole arrivano al territorio a cui la pasticceria Isanti è particolarmente legata. La lievitazione è lunga oltremisura. Il risultato? Un panettone artigianale d’eccellenza assoluta. Soffice, dal gusto morbido e avvolgente del burro, con un’alveolatura che commuove e tutti i sentori del Mediterraneo.

panettone artigianale d'eccellenza Tuscia

Il panettone è simbolo del Natale. Foto d web

Panettone artigianale made in Tuscia: la new entry!

Lasciando con reticenza questo assaggio, ritagliamo lo spazio di una menzione d’onore per quella che sarà di certo una promessa. Occhi puntati al panettone artigianale dell’Agriturismo Il Casaletto di Grotte Santo Stefano. Lievito madre, ormai diventato un altro componente di famiglia e farine da grani antichi macinate a pietra. Lievitazione di oltre 40 ore e aromi naturali per un panettone artigianale che nasce quest’anno come esperimento. E che esperimento! Retrogusto lievemente acido, impasto vellutato e profumi intensi che però ancora non soddisfano Marco Ceccobelli, consapevole della lunga strada di affinamenti che lo attendono.

panettone artigianale d'eccellenza Tuscia

Marco e Donata Ceccobelli dell’agriturismo Il Casaletto a Grotte Santo Stefano. Foto: Carlo Zucchetti

Noi però siamo certi che questo panettone artigianale d’eccellenza ci sorprenderà. Non può essere altrimenti per un agriturismo votato all’accoglienza e alla produzione in proprio di ottimi salumi, tra cui un’eccellente versione di Susianella, Presidio Slow Food della Tuscia.

Ed ora? Ora, di cuore e di palato, vi auguriamo un felice Natale.

di Tamara Gori

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine EAT - Mondo Mangiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Panettone artigianale d’eccellenza: Tuscia il dolce che non t’aspetti! ultima modifica: 2016-12-22T09:41:46+00:00 da tamara
The following two tabs change content below.
Sono nata nel 1973, annata sospesa tra il piombo del terrorismo e il luccichio delle mirror balls. Forse è per questo che sono così duale: amo le città, ne sono attratta, ma non chiedetemi di viverci, ne soffocherei; ho seguito studi economici per dovere sociale (di altri), ma l'istinto e la vita mi hanno sempre accompagnata verso l'arte, la natura, la letteratura e la giustizia sociale. Organizzo matrimoni, ma non sono sposata. Sono timida e riservata, ma esplodo di gioia di fronte a un sorriso e di divertimento quando ascolto la buona musica. Amo il cibo; ne ho saggiato di ogni genere e ovunque ho potuto, ammaliata dai colori, dai sapori, dagli odori che lo caratterizzano e lo legano ad un territorio e ad un popolo. Nonostante tutto però, combatto eternamente con intolleranze alimentari birichine ed estenuanti. Mi piace leggere e viaggiare e molto mi piace scrivere. E scrivere di cibo mi permette di fare tutto questo insieme; mi permette ogni volta di innamorarmi della Storia, della Cultura, dell'Umanità. Non riesco a prescindere da tutto questo, soprattutto dal piccolo, dall'etico, dal buono. E attraverso quello che scrivo, provo a rispondere a quello che oggi è il mio personalissimo senso di dovere sociale.Tamara Gori
Condividi questo articolo su:

Lasciaci un tuo commento