musco-copertina_opt

Musco di Palazzone, racconto di una memoria atavica

In Prodotti, Recensioni by RaffaeleLascia un commento

image_pdfimage_print

Musco di Palazzone, racconto di una memoria atavica

“E’ una luna da vigna. Da bambino credevo che i grappoli d’uva li faccia e li maturi la luna….
Ora il brivido mi aveva lasciato e la luna col suo sapore di vendemmia ci guardava entrambi come una creatura che conoscevo e ritrovavo”. Feria d’Agosto, 1946.
Credo che l’ Orvieto, più di altri, necessiti di raccontare la sua storia. Di quel crepitio di braci nascoste dal carbone. Di un ardore celato.

palazzone-uva_opt

Grappoli residui dopo la vendemmia. Foto di Tamara Gori

L’Orvieto è, senza dubbio, la punta di cristallo dei bianchi del centro Italia: preziosa e fragile.
Preziosa per la capacità di racchiudere in pochi centilitri la luminosità del sole che tocca queste terre. Preziosa per l’energia che dona a questi vini dopo qualche mese dall’imbottigliamento. Preziosa per l’eleganza che quei vini raggiungono dopo affinamenti decennali. Preziosa per la matrice geologica in grado di trasmettere prodotti così specifici; il fiume Paglia qui non è un semplice ricamo sulla cartina: esso delimita le due facce dell’Orvieto, finezza e austerità. Yin e Yang.

palazzone-vigne_opt

Veduta delle vigne del territorio orvietano dall’azienda Palazzone. Foto di Tamara Gori

Ma è fragile. Fragile per il depauperamento che l’immagine di questo vino ha subito negli anni. Fragile per un fazzoletto troppo esteso, tirato e lacerato oltre i confini di regione. Fragile per un disciplinare troppo incline al “migliorativo” in termini di vitigni, a discapito dell’autoctono. E fragile perché quasi il 94% dell’imbottigliamento avviene fuori regione. Il Musco di Palazzone è atarassico e giurassico a questi concetti. Lo è nella forma e nella sostanza. Lo è per antonomasia.

Musco di Palazzone, racconto di una memoria atavica

E Palazzone non è nuovo all’atto di conservazione dell’identità originaria dei suoi vini. Il vino non necessita, come gli uomini, di nulla di nuovo; ne va semplicemente raccontata la storia. Va mantenuto uno sguardo attento sul passato e atti accorti sul presente. E in un territorio dove si fa vino da più di 2000 anni, nasce la necessità di applicare una forma di pacifica resistenza alle imposizioni massive, per mantenere viva la traccia originaria.

musco-tappi_opt

Nei tappi che chiudono il Musco di Palazzone c’è incisa la filosofia che lo sorregge. Foto di Tamara Gori

Il Musco di Palazzone è il raccolto di una memoria atavica e di gesti antichi. Porta a galla i sapori di una volta, poiché cos’altro è il vino se non lo storico stoico di un territorio di fronte alle mode che si sono succedute. La raccolta è quella di un tempo che fu, in una vigna fatta di quella storica mescolanza casuale dei varietali autoctoni.  Il Musco riporta in bottiglia la semplice giovialità della vendemmia. È enciclopedia storica narrata attraverso desuete pratiche di vinificazione: una pigiatura manuale così come la torchiatura.

musco di palazzone cantina_opt

La cantina dove si vinifica il Musco è ricavata in un’antica grotta etrusca. Foto di Tamara Gori

Fermentazioni senza lieviti selezionati; il riposo in quel legno abbandonato e dimenticato che è il castagno, e, prima della bottiglia, un affinamento con decantazione statica in damigiane di vetro. L’imbottigliamento e a “tiro di fiato” direttamente dalle damigiane, da cui, a caduta, si riversa direttamente in bottiglia. Gesti che non conoscono la fatica e che, come scrisse il Pavese delle prime righe ne “La luna e i falò”, non sono nemmeno lavoro. Di questi gesti è fatto il Musco.

musco-bottiglia_opt

Eleganza e gesti antichi racchiusi in una bottiglia di Musco. Foto di Tamara Gori

di Raffaele Marini

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine EAT - Mondo Mangiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Musco di Palazzone, racconto di una memoria atavica ultima modifica: 2016-11-03T12:23:53+00:00 da Raffaele
The following two tabs change content below.
Raffaele Marini è nato nel 1976 e dopo un lungo affinamento in bottiglia esce raccontando di vino, organizzando degustazioni e guidando corsi di formazione sul vino. Collabora con aziende vitivinicole di alto livello per la commercializzazione sul mercato nazionale e su quello internazionale. Si occupa di consulenze per la realizzazione delle carte dei vini per ristoranti e operatori del settore. Scrive di vino; ama i vini che siano naturali (ben “avvenuti”), ma anche gli altri; di certo non ama gli industriali (e non solo per ciò che concerne i vini).
Condividi questo articolo su:

Lascia un commento