marzolina745

Marzolina di Campoli Appennino: un formaggio, un Presidio, due Monti millenari

In Itinerari enogastronomici, Prodotti by tamaraLascia un commento

Marzolina, sicuramente un prodotto legato al mese che le conferisce il nome… scopriamone di più!

Monti Ausoni, componente pre-appeninica laziale, costituiscono la propaggine montuosa più meridionale del Lazio, quella che tocca la vicina Campania e che, proseguendo attraverso il Parco dei Monti Aurunci, arriva a toccare il Mar Tirreno, con Gaeta, Sabaudia e il Circeo.

sentiero-del-monte-redentore-01-g_opt

Il sentiero del Monte Redentre, all’interno del Parco dei Monti Aurunci. Sullo sfondo il litorale pontino.

Il nome in realtà tradisce le origini preromane e preelleniche di tutta la zona. Gli Ausoni prima e gli Aurunci poi furono popolazioni italiche insediatesi nel basso Lazio e poi giù fino in Calabria; orgogliosa stirpe di guerrieri di origine indoeuropea, furono tra i primi ad abitare la penisola, a sviluppare un’ economia e un’agricoltura floride e a ribellarsi a Roma. Con poco successo, è vero; ma da lì a diventare mito il passo fu davvero breve. I Monti Ausoni hanno un’origine calcarea e i fenomeni carsici che ne interessano alcune zone, richiamano un po’ l’immaginario della terra di confine tra Italia e Slovenia.

Ausoni

Veduta dei Monti Ausoni.

Terre brutali, difficili da masticare, per alcuni poco ospitali. Terre di pastorizia, consumate da unghioni quasi millenari di capre e pecore che hanno insediato questi monti forse prima dell’uomo. Per questo la tradizione casearia è così radicata e radicale e difficilmente si ferma ai confini politici subentrati all’intento geologico di Demetra. Alcuni formaggi appartengono tradizionalmente alla Ciociaria, ma nel tempo la loro produzione si è estesa anche al territorio pontino. Uno di questi è il Conciato di San Vittore, vera rarità laziale. L’altro il Presidio Slow Food della Marzolina di Campoli Appennino, dal gusto intenso e inconfondibile, elargito dal latte crudo di capra.

Marzolina

La Marzolina nella sua forma tipicamente cilindrica

Marzolina di Campoli Appennino: un formaggio, un Presidio, due Monti millenari

La Marzolina – un tempo si poteva fare solo durante il periodo di lattazione di fine inverno, quindi proprio durante il mese di marzo -, si produce con latte crudo di capra della razza Camosciata delle Alpi, Grigia Ciociara e Bianca Monticellana, che secondo i dettami del Presidio, necessitano di essere allevate allo stato brado, proprio su quei Monti Ausoni e Aurunci che delimitano il panorama di questa terra. Originariamente la zona di produzione era solo quella di Esperia, nel cuore ciociaro della provincia di Frosinone. Poi la produzione di latte di è allargata anche fuori da quei confini, fino alla Valle di Comino e ancora nei comuni di Itri, Carpineto e Formia, in provincia di Latina.

Marzolina

La capra Camosciata delle Alpi, da cui si ricava generalmente il latte per la Marzolina

La tradizione della Marzolina nel tempo ha rischiato di scomparire, come gran parte delle culture agricole e casearie del nostro Paese, abbindolato da fugaci entusiasmi di grandezze industriali che hanno reso asettico e impersonale il cibo di cui ci nutriamo. Come sempre è stata la resistenza di una donna a rendere ancora fruibile questa specialità alle generazioni future, ubbidendo al precetto per cui allevatori e agricoltori sono custodi di un territorio e delle sue conoscenze. Ad oggi sono solo due i giovani agricoltori che rientrano nel progetto di tutela del Presidio Slow Food, capaci di reiterare un processo produttivo artigianale che passa attraverso il coagulo del latte caprino di due mungiture con caglio di capretto.

marzolina-stagionata_opt

Stagionatura della Marzolina

Dopo la rottura della pasta e la sua sgrondatura nelle caratteristiche formelle cilindriche, la Marzolina viene pressata a mano e salata a secco o in salamoia, pronta per essere gustata freschissima o dopo una breve stagionatura su graticci di legno. In realtà la tradizione familiare in alcuni casi stagiona la Marzolina dentro barattoli di vetro colmi di olio per alcuni mesi; in questi casi le caratteristiche organolettiche risultano attenuate dalla materia grassa dell’olio, che tende a smorzare i toni piccanti più evidenti e il sentore ircino tipico del latte utilizzato.

Marzolina-lavorazione_opt

Immagine d’epoca della fase di sgrondatura della pasta nelle forme cilindriche, da cui originerà la Marzolina.

La Marzolina è inconfondibile; non solo per la forma cilindrica, ma anche per la totale assenza di crosta, sostituita da una buccia dura e asciutta che nasconde una pasta bianca, scagliosa e leggermente occhiata. Una tempesta di sapori e profumi che rivelano un territorio antico e una storia di ricchezza antropologica inestimabile. Così nutriamo il mondo.

di Tamara Gori

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine EAT - Mondo Mangiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Marzolina di Campoli Appennino: un formaggio, un Presidio, due Monti millenari ultima modifica: 2015-11-06T13:51:30+00:00 da tamara
The following two tabs change content below.
Sono nata nel 1973, annata sospesa tra il piombo del terrorismo e il luccichio delle mirror balls. Forse è per questo che sono così duale: amo le città, ne sono attratta, ma non chiedetemi di viverci, ne soffocherei; ho seguito studi economici per dovere sociale (di altri), ma l'istinto e la vita mi hanno sempre accompagnata verso l'arte, la natura, la letteratura e la giustizia sociale. Organizzo matrimoni, ma non sono sposata. Sono timida e riservata, ma esplodo di gioia di fronte a un sorriso e di divertimento quando ascolto la buona musica. Amo il cibo; ne ho saggiato di ogni genere e ovunque ho potuto, ammaliata dai colori, dai sapori, dagli odori che lo caratterizzano e lo legano ad un territorio e ad un popolo. Nonostante tutto però, combatto eternamente con intolleranze alimentari birichine ed estenuanti. Mi piace leggere e viaggiare e molto mi piace scrivere. E scrivere di cibo mi permette di fare tutto questo insieme; mi permette ogni volta di innamorarmi della Storia, della Cultura, dell'Umanità. Non riesco a prescindere da tutto questo, soprattutto dal piccolo, dall'etico, dal buono. E attraverso quello che scrivo, provo a rispondere a quello che oggi è il mio personalissimo senso di dovere sociale.Tamara Gori
Condividi questo articolo su:

Lasciaci un tuo commento