La vera pizza napoletana fatta in casa

La vera pizza napoletana fatta in casa? Ecco la ricetta!

In Piatti & Ricette by Claudio Aloisio

Morbida, gustosa e digeribile grazie all’utilizzo di pochissimo lievito di birra

Oggi vi insegnerò come preparare la vera pizza napoletana fatta in casa. Utilizzando un piccolo trucco, una sorta di doppia cottura, sarà quasi indistinguibile da quella della pizzeria: morbida, gustosa, digeribile grazie all’utilizzo di pochissimo lievito di birra come prescritto dal disciplinare e con un bel cornicione alto come quello che vedete in foto.

La vera pizza napoletana fatta in casa

La vera pizza napoletana fatta in casa

La vera pizza napoletana fatta in casa? Ecco la ricetta!

Ingredienti per l’impasto di tre pizze da 220 g circa:
450 g di farina (preferibilmente con un contenuto di proteine tra l’11% e il 12,5% e una forza da 220 a 380 W)
250 ml di acqua
12 g di sale
1 g di lievito di birra

Ingredienti per la farcitura:
Tutto quello che la vostra fantasia vi suggerisce.
Io ho preparato delle semplici margherite con la passata di pomodoro e la mozzarella di bufala aggiungendo, a fine cottura, dell’origano e del basilico

Preparazione:
Versare l’acqua in una ciotola avendo cura di prelevarne una piccola quantità divisa in due tazzine nelle quali si farà sciogliere in una il lievito di birra e nell’altra il sale

Aggiungere il lievito di birra sciolto nella ciotola e iniziare a versare gradualmente e lentamente la farina setacciata incorporandola a mano a mano. Una volta finita, aggiungere l’acqua con il sale continuando ad amalgamare per 5/6 minuti circa fino a raggiungere il “punto di pasta” ovvero il momento in cui la consistenza dell’impasto è quella ottimale: non troppo morbido ne troppo duro

Ribaltare il composto su un piano e lavorare 20 minuti piegando e schiacciando ripetutamente fin quando l’impasto diventerà morbido e setoso

A questo punto riporlo in una ciotola di vetro o porcellana, coprire con pellicola e lasciar lievitare per 2 ore

Passato il tempo procedere alla staglio a mano. Il disciplinare consiglia di ottenere dei panetti da un peso compreso tra i 180 e 250 g che corrispondono a tre panetti da 30 cm circa di diametro o quattro panetti da 22 cm circa di diametro. In questo caso sono usciti 3 panetti da 220 g circa

Riporre i panetti ottenuti su un telo, ricoprire con della pellicola in modo che non asciughino quindi lasciar quindi lievitare per altre 4/6 ore a una temperatura di 25°C circa

Riscaldare il forno alla massima temperatura per un’oretta insieme alla teglia che servirà per la cottura, senza mai aprire lo sportello

Una volta che i panetti sono lievitati stenderne uno alla volta su un ripiano spolverato con farina allargandolo con le mani dal centro verso il bordo

Nel frattempo scaldare una padella larga dal fondo spesso sul fornello della cucina sino a quando non inizia a “fumare”, disporci sopra il disco di pizza non condito e lasciar cuocere per due minuti

Prelevare la teglia calda dal forno, trasferirci il disco di pizza, farcirlo velocemente come si preferisce e infornarlo nella parte più alta per 5 minuti e comunque finché la pizza non risulti bella dorata

Ripetere la stessa operazione con i panetti rimanenti

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine EAT - Mondo Mangiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
La vera pizza napoletana fatta in casa? Ecco la ricetta! ultima modifica: 2017-07-12T12:00:20+00:00 da Claudio Aloisio
The following two tabs change content below.

Claudio Aloisio

Sono Claudio Aloisio e mi occupo di pubblicità e marketing da oltre trent’anni. Oltre la passione per la comunicazione, che ho trasformato nel mio lavoro, ne ho un'altra che da sempre coltivo come hobby: la cucina. Una passione che esprimo nel mio blog, "la Cucina di Claudio" e in casa armeggiando compulsivamente tra i fornelli, avendo sulla coscienza il paio di chili in più (inesistenti a parer mio) di cui mia moglie ogni tanto si lamenta guardandosi allo specchio. “Il cibo trova sempre coloro che amano cucinare” diceva Gusteau nel film Ratatouille, un concetto che sposo senza riserve aggiungendone però un altro: il cibo, è una delle forme di comunicazione più potenti ed efficaci…
Condividi questo articolo su: