Ebbene sì, ora anche l'acqua si mangia! Scopri le Ooho Balls

Ebbene sì, ora anche l’acqua si mangia! Scopri le Ooho Balls

In Interviste, Prodotti by TizianaLascia un commento

Riusciremo veramente a dire addio alle ingombranti e inquinanti bottiglie di plastica? Ooho Balls è un'innovazione destinata a lasciare il segno.

Ebbene sì, ora anche l’acqua si mangia! Scopri le Ooho Balls

Come ben sappiamo, l’evoluzione tecnologica sta modificando, e continuerà a farlo, la produzione ed il consumo alimentare nel mondo. Questo perché il consumatore è sempre più critico, esigente e diversificato e costituisce, quindi un motore fondamentale di innovazione. Alcune statistiche, infatti, confermano che vengono consumati maggiormente i prodotti non strettamente tradizionali. Mentre un’alta percentuale sul fatturato riguarda il prodotto ‘tradizionale evoluto‘.

Ooho Balls

Sono le Ooho balls, ovvero l’acqua che si può mangiare. (http://www.lifegate.it)

Ebbene sì, ora anche l’acqua si mangia! Scopri le Ooho Balls

Tra le innovazioni nel mondo troviamo le Ooho Balls, ovvero bolle d’acqua edibili, inventate da una Start Up britannica formata da tre giovani ingegneri spagnoli, la Skipping Rocks Lab. Lo scopo di questa invenzione è quello di ridurre l’utilizzo e lo spreco di bottiglie di plastica e quindi di rifiuti.

Ma cosa sono e come funzionano le Ooho Balls?

Dalle dimensioni di una pallina di ping pong, queste sfere liquide sono rivestite da una membrana di estratti vegetali e alghe in grado di contenere il liquido. Sono commestibili e biodegradabili e possono durare fino a 6 settimane di tempo. Posizionandole in bocca, basta schiacciarle tra il palato e la lingua per rompere la pellicola ed ingoiare la bevanda contenuta al loro interno.

 

Qual’è l’obiettivo delle Ooho Balls?

Il progetto ha un preciso obiettivo: ridurre la quantità di bottiglie di plastica e di rifiuti da gestire e smaltire. Considerando che soltanto a Londra in un mese sono state estratte quattromila bottiglie di plastica dal fiume Tamigi. Dunque, con Ooho Balls potremmo bere senza produrre rifiuti.

In questa prima fase di sperimentazione e fattibilità, Skipping Rocks Lab sta raccogliendo fondi per avviare la produzione attraverso la partecipazione ad eventi sportivi e concerti. Se tutto andrà come previsto, verranno prodotte e messe in commercio fino a duemila palline al giorno. Esse potranno contenere perfino bevande alcoliche.

E voi, siete curiosi di sperimentare questo nuovo modo di dissetarvi? Sembra proprio che non dobbiate aspettare molto per provarlo!

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine EAT - Mondo Mangiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Ebbene sì, ora anche l’acqua si mangia! Scopri le Ooho Balls ultima modifica: 2017-09-30T06:45:27+00:00 da Tiziana
The following two tabs change content below.

Tiziana

29 anni, un bagaglio già ricco di esperienze, ma ancora molti, molti sogni nel cassetto! I miei compagni di viaggio? Onestà, umiltà, semplicità ma soprattutto tanta voglia di vivere e di sperimentare sempre cose nuove, sia nel mondo del lavoro che nella vita in generale!
Condividi questo articolo su:

Lasciaci un tuo commento