Carciofi alla giudia: ecco la tipica ricetta romana

In Piatti & Ricette, Prodotti by AlessandroLascia un commento



I carciofi alla giudia sono un piatto tipico della cucina Laziale ed in particolar modo della città di Roma.

Si narra infatti che il piatto sia stato inventato nel ghetto ebraico (da qui “alla giudia”), utilizzando il carciofo originario del Lazio (la mammola romana) nel periodo della ricorrenza del Kippur.

Preparazione dei carciofi alla giudia:

Per preparare i carciofi alla giudia occorre innanzitutto pulire i carciofi, eliminando le foglie dure esterne, fino ad arrivare a quelle più morbide, da qui bisogna intagliare le foglie togliendo la parte violacea.

carciofi alla giudia

carciofi alla giudia: fase di preparazione

Finita questa operazione il carciofo sarà di forma tonda ed assumerà l’aspetto di una “rosa”. Ora non ci resta che eliminare la parte esterna del gambo, anche questa troppo dura, e le attaccature delle foglie esterne tolte precedentemente.

carciofi alla giudia: fase di preparazione

carciofi alla giudia: fase di preparazione

 

I carciofi sono ora pronti per essere immersi in una bacinella con dell’acqua acidulata, dove li lasceremo a bagno per almeno 10 minuti. Tolti dall’acqua, scolati ed asciugati i carciofi vanno sbattuti l’un l’altro perchè le foglie comincino ad aprirsi.
In un tegame faremo scaldare dell’olio in modo tale che i carciofi ne siano ricoperti, poi immergeremo i carciofi e li lascieremo nell’olio caldo, ma non bollente (140/150 °C) per 10-15 minuti (saranno cotti quando con la forchetta penetrerà nella base del carciofo).

carciofi alla giudia: fase di preparazione

carciofi alla giudia: fase di preparazione

 

Tolti dall’olio, vanno lasciati raffreddare capovolti in un vassoio per una ventina di minuti, poi con una forchetta apriremo le foglie dall’interno verso l’esterno a mo’ di fiore. Condiamo l’interno del carciofo con sale e pepe, spruzziamo con acqua o vino bianco ed immergiamoli nell’olio per la frittura per non più di 1 minuto, facendo attenzione a non bruciarli. I carciofi sono pronti, vanno serviti e mangiati subito, ben caldi, per assaporarne tutta la fragranza ed il gusto (Photo credit: giallozafferano.it)

carciofi alla giudia: fase di preparazione

carciofi alla giudia: fase di preparazione

Scheda Tecnica Carciofo:

Carciofi_romaneschi

Il carciofo (Cynara scolymus L.) è una pianta della famiglia Asteraceae coltivata in Italia e in altri Paesi per uso alimentare e, secondariamente, medicinale. L’Italia detiene il primato mondiale nella produzione di questo ortaggio (pari a circa il 30%).
Il carciofo è una tipica pianta degli ambienti mediterranei. Il suo ciclo naturale è autunno-primaverile.

Valori nutrizionali – Carciofo – Quantità per 100 grammi:
Calorie 47
Lipidi 0,2 g
Acidi grassi saturi 0 g
Acidi grassi polinsaturi 0,1 g
Acidi grassi monoinsaturi 0 g
Colesterolo 0 mg
Sodio 94 mg
Potassio 370 mg
Glucidi 11 g
Fibra alimentare 5 g
Zucchero 1 g
Proteine 3,3 g

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine EAT - Mondo Mangiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Carciofi alla giudia: ecco la tipica ricetta romana ultima modifica: 2015-03-30T12:49:09+00:00 da Alessandro
The following two tabs change content below.
Curioso, curioso, curioso, iperattivo. Disponibile al confronto solo con esseri "pensanti", con chi è pronto a mettersi in gioco, disponibile a rivedere le proprie "certezze", con chi non si rifugia dietro un "Si è sempre fatto così...". Pregi? La curiosità. Difetti? La curiosità. "Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso." (Albert Einstein)
Condividi questo articolo su:

Lasciaci un tuo commento