5 cibi che non mangerai più quando scoprirai come sono fatti

5 cibi che non mangerai più quando scoprirai come sono fatti

In Consigli, Prodotti by TizianaLascia un commento

Sei proprio sicuro di sapere come sono fatti i cibi che mangi? Dopo aver letto questo articolo, forse, dirai addio a qualche cibo!

5 cibi che non mangerai più quando scoprirai come sono fatti

Ci sono cibi a cui non riusciamo a resistere. Altri che invece mangiamo con la convinzione che facciano bene alla nostra salute. Ma siamo proprio sicuri di questo? Ecco alcuni alimenti che non mangerai più dopo aver scoperto come sono fatti.

5 cibi che non mangerai più quando scoprirai come sono fatti

Cambia le tue abitudini alimentari, di addio al cibo spazzatura. (it.123rf.com)

5 cibi che non mangerai più quando scoprirai come sono fatti: il latte confezionato.

Non tutti sanno che in una bottiglia di latte confezionato c’è un mix di diversi tipi di latte che viene prelevato da centinaia di mucche diverse e, quindi, proviene da allevamenti diversi. Viene poi mischiato nelle cisterne e trasportato nelle fabbriche che lo imbottigliano o lo lavorano per produrre altri alimenti. da considerare che le vacche da latte sono sfruttate tantissimo negli allevamenti e la loro vita media i riduce da 40 anni a 10 anni. Vengono nutrite con medicinali per favorire una maggiore produzione di latte che finiscono nel latte stesso. Senza contare poi le mastiti e le infezioni varie che riguardano le mammelle. Cosa che aggiunge al latte una percentuale di pus. Quindi, anche se tanto pubblicizzato il controllo della qualità, in un processo così complesso è molto difficile farlo in modo adeguato.

5 cibi che non mangerai più quando scoprirai come sono fatti

Ogni mucca nel suo ciclo produttivo dovrà assicurare all’allevatore un flusso continuo di latte vaccino e per questo ingravidata di continuo e in modo artificiale. (http://beleafmagazine.it)

5 cibi che non mangerai più quando scoprirai come sono fatti: le zuppe pronte.

Ormai sono disponibili in diversi gusti e formati in tutti i supermercati. Sono una soluzione comodissima quando non si ha voglia o tempo di cucinare. All’apparenza andrebbero anche bene da consumare durante una dieta. ma allora perché non vengono mai consigliate dai nutrizionisti? Le zuppe pronte vengono insaporite con il glutammato monosodico che è un additivo alimentare utilizzato nei cibi industriali per insaporirli, come nei dadi da cucina. Il consumo abituale viene associato all’obesità e alle intolleranze, fino a toccare patologie degenerative più gravi. Per preparare queste zuppe, molto spesso, vengono utilizzati ortaggi di seconda scelta o di scarsa qualità.

5 cibi che non mangerai più quando scoprirai come sono fatti: succo di arancia confezionato.

Vi siete mai chiesti perché tutti i tipi di succo di arancia confezionato hanno lo stesso colore? Le spremute che prepariamo in casa cambiano colore in base al tipo di arancia, dalla loro maturazione e dalla provenienza. Nei brick dei succhi di frutta in generale vengono aggiunti aromi e additivi, come coloranti e conservanti che possono essere molto dannosi per la salute. Additivi e aromi, quindi, fanno la magia di rendere ogni brick dello stesso sapore e colore.

5 cibi che non mangerai più quando scoprirai come sono fatti: gli Hot Dog.

Forse nessuno di noi vorrebbe sapere come è composto uno wurstel contenuto nell’Hot Dog! I wustel sono preparati con un impasto di amido di mais e grassi, mischiato a carni, ossa ed organi tritati e mescolati tutti insieme. Sono questi gli ingredienti che sono scritti sulle confezioni quando leggiamo “carne separata meccanicamente”.

5 cibi che non mangerai più quando scoprirai come sono fatti

Carne separate meccanicamente: un composto di ossa, budella e carne animale fracassata meccanicamente per diventare, dopo vari processi coloranti, gustosi bocconcini di carne servita nei fast food.(http://www.informarmy.net)

5 cibi che non mangerai più quando scoprirai come sono fatti: il Surimi di granchio.

Sapete cosa nascondono i bastoncini di pesce arancioni al gusto di granchio? Il Surimi potrebbe sembrare una soluzione perfetta per la preparazione di una cena esotica, fresca e veloce. Peccato che, al contrario di ciò che suggerisce il suo nome, il Surimi non è affatto un alimento esotico, ma una tipologia di cibo ideata da parte dell’industria alimentare al fine di arricchire la propria offerta di mercato con prodotti di varie fogge, a partire dal surimi vero e proprio, costituito da piccoli cilindri dall’esterno di colore rosso o arancione e di colore bianco all’interno, fino agli affettati di pesce ed alle finte chele di granchio.

 

Il Surimi, quindi, può essere ritenuto uno dei falsi cibi: esso viene venduto come alimento a base di granchio, ma in realtà non ne contiene. Il presunto “sapore di granchio” viene ottenuto mediante l’impiego di aromi artificiali. Dal surimi si ottengono per l’appunto delle “finte” chele di granchio, “affettati” di mare, surimi “al gusto di salmone affumicato” o altri prodotti di forma simile ai crostacei come i gamberoni dall’artificiale sapore di pesce. Si tratta di un insieme di cibi artificiali di cui nessuno di noi ha bisogno all’interno della propria alimentazione.

Eravate già a conoscenza di questa triste realtà? Molto spesso gli alimenti che più ci fanno gola sono quelli meno salutari o addirittura pericolosi per la nostra salute. Purtroppo questi sono solo alcuni di una lunga lista. Avremmo occasione di scoprire altre tristi realtà sulla vera composizione dei cibi che mangiamo abitualmente.

Sono questi i veleni che mangiamo ogni giorno. Evitali!

 

 

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine EAT - Mondo Mangiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
5 cibi che non mangerai più quando scoprirai come sono fatti ultima modifica: 2017-09-05T07:00:04+00:00 da Tiziana
The following two tabs change content below.

Tiziana

29 anni, un bagaglio già ricco di esperienze, ma ancora molti, molti sogni nel cassetto! I miei compagni di viaggio? Onestà, umiltà, semplicità ma soprattutto tanta voglia di vivere e di sperimentare sempre cose nuove, sia nel mondo del lavoro che nella vita in generale!
Condividi questo articolo su:

Lasciaci un tuo commento